In tema di petizione ereditaria, ai fini della salvezza dei diritti acquistati dal terzo per effetto di convenzione a titolo oneroso contratta con l'erede apparente

Novità

[ archivio novità ]

12/09/2011
Corte di Cassazione, 4 febbraio 2010 n.2653

In tema di petizione ereditaria, ai fini della salvezza dei diritti acquistati dal terzo per effetto di convenzione a titolo oneroso contratta con l'erede apparente, è necessario che loro stesso terzo, ai sensi dell'art. 534, comma secondo, cod. civ., assolva all'onere di provare la sua buona fede all'atto dell'acquisto, consistente nella dimostrazione dell'idoneità del comportamento dell'alienante ad ingenerare la ragionevole convizione di trattare con il vero erede, nonchè dell'esitenza di circostanze indicative dell'ignoranza incolpevole di esso acquirente circa la realtà della situazione ereditaria al momento dell'acquisto.
assegnazione della casa coniugale ed ICI: a chi spetta il pagamento? GLI IFRS ANCHE IN LIQUIDAZIONE L'AUTO? MEGLIO LEASING O NOLEGGIO Condominio-Comunione-Parti comuni-Sottotetto-Soffitto-Solaio Novità sulle dichiarazioni INTRA per il 2010 Caso Eluana Englaro: autorizzato lo stop all'alimentazione artificiale NESSUN AUTOMATISMO SULLE SANZIONI ACCESSORIE STOP ALLA NUOVA PRETESA SE C'E' STATA L'ADESIONE Correttivi, l’Agenzia conferma la flessibilità Corte di Cassazione, 27 maggio 2009 n. 12282