In tema di petizione ereditaria, ai fini della salvezza dei diritti acquistati dal terzo per effetto di convenzione a titolo oneroso contratta con l'erede apparente

Novità

[ archivio novità ]

12/09/2011
Corte di Cassazione, 4 febbraio 2010 n.2653

In tema di petizione ereditaria, ai fini della salvezza dei diritti acquistati dal terzo per effetto di convenzione a titolo oneroso contratta con l'erede apparente, è necessario che loro stesso terzo, ai sensi dell'art. 534, comma secondo, cod. civ., assolva all'onere di provare la sua buona fede all'atto dell'acquisto, consistente nella dimostrazione dell'idoneità del comportamento dell'alienante ad ingenerare la ragionevole convizione di trattare con il vero erede, nonchè dell'esitenza di circostanze indicative dell'ignoranza incolpevole di esso acquirente circa la realtà della situazione ereditaria al momento dell'acquisto.
ISTITUITO IL CODICE PER COMPENSARE IL 20% DELL’ACCONTO IRPEF SLITTATO AL SALDO Schema di certificazione degli utili e proventi equiparati Inversione di rotta della Cassazione sulle fatture false autorizzazione al pagamento del campione fallimentare LA DETRAZIONE DELLE SPESE MEDICHE Per il beneficio prima casa e` sufficiente la coabitazione NOVITA' IVA PRESTAZIONI SERVIZI: FIERE, MANIFESTAZIONI E TRASPORTI L'individuazione della casa coniugale non può fondarsi sul desiderio dei figli. COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA: NOVITA' 2010 VISTO DI CONFORMITA' PER COMPENSAZIONI IVA OLTRE I 15.000 EURO