In tema di petizione ereditaria, ai fini della salvezza dei diritti acquistati dal terzo per effetto di convenzione a titolo oneroso contratta con l'erede apparente

Novità

[ archivio novità ]

12/09/2011
Corte di Cassazione, 4 febbraio 2010 n.2653

In tema di petizione ereditaria, ai fini della salvezza dei diritti acquistati dal terzo per effetto di convenzione a titolo oneroso contratta con l'erede apparente, è necessario che loro stesso terzo, ai sensi dell'art. 534, comma secondo, cod. civ., assolva all'onere di provare la sua buona fede all'atto dell'acquisto, consistente nella dimostrazione dell'idoneità del comportamento dell'alienante ad ingenerare la ragionevole convizione di trattare con il vero erede, nonchè dell'esitenza di circostanze indicative dell'ignoranza incolpevole di esso acquirente circa la realtà della situazione ereditaria al momento dell'acquisto.
nuova detrazione per spese di vitto ed alloggio DIRITTO DI ACCESSO E PROCEDIMENTO TRIBUTARIO C'E' BANCAROTTA SE IL FALLITO ACQUISTA QUOTE A PREZZI PIU' ALTI Posta certificata, indirizzo da indicare entro il 30/11 Studi di settore aprono alle rate marchi ed avviamento cessione d'azienda: la tassazione dell'avviamento L'ascensore non può ledere le parti comuni Corte di Cassazione 21 dicembre 2010 n.25877 FATTURE INESISTENTI, SI PAGA SEMPRE