In tema di petizione ereditaria, ai fini della salvezza dei diritti acquistati dal terzo per effetto di convenzione a titolo oneroso contratta con l'erede apparente

Novità

[ archivio novità ]

12/09/2011
Corte di Cassazione, 4 febbraio 2010 n.2653

In tema di petizione ereditaria, ai fini della salvezza dei diritti acquistati dal terzo per effetto di convenzione a titolo oneroso contratta con l'erede apparente, è necessario che loro stesso terzo, ai sensi dell'art. 534, comma secondo, cod. civ., assolva all'onere di provare la sua buona fede all'atto dell'acquisto, consistente nella dimostrazione dell'idoneità del comportamento dell'alienante ad ingenerare la ragionevole convizione di trattare con il vero erede, nonchè dell'esitenza di circostanze indicative dell'ignoranza incolpevole di esso acquirente circa la realtà della situazione ereditaria al momento dell'acquisto.
Corte di Giustizia dell'Unione Europea, 22 dicembre 2010 (causa C-208/09) SOCIO LIQUIDATORE, DUE VIE PER I CONTRIBUTI Il controllo sugli amministratori spetta ai soci Il riscaldamento non divide le spese LA GDF VA IN PRESSING PER I CONTROLLI SULLO SCUDO Immobili. Punito che affitta a un clandestino Il conto corrente è prova piena diritto a non curarsi: ammesso se risulta da dichiarazione espressa. Evasione fiscale, Siciliotti punta sul redditometro Sanzione penale per chi non versa le ritenute