In tema di petizione ereditaria, ai fini della salvezza dei diritti acquistati dal terzo per effetto di convenzione a titolo oneroso contratta con l'erede apparente

Novità

[ archivio novità ]

12/09/2011
Corte di Cassazione, 4 febbraio 2010 n.2653

In tema di petizione ereditaria, ai fini della salvezza dei diritti acquistati dal terzo per effetto di convenzione a titolo oneroso contratta con l'erede apparente, è necessario che loro stesso terzo, ai sensi dell'art. 534, comma secondo, cod. civ., assolva all'onere di provare la sua buona fede all'atto dell'acquisto, consistente nella dimostrazione dell'idoneità del comportamento dell'alienante ad ingenerare la ragionevole convizione di trattare con il vero erede, nonchè dell'esitenza di circostanze indicative dell'ignoranza incolpevole di esso acquirente circa la realtà della situazione ereditaria al momento dell'acquisto.
Aliquota al 5 % per il nuovo scudo fiscale. Avvio prorogato a settembre Privacy. Tutelati gli spot telefonici LA SENTENZA UE SUL CONDONO 2002 successioni testamentarie.testamento olografo Corte di Cassazione, 15 aprile 2011 n.8274 LA BANCAROTTA TROVA LE ESENZIONI CAMPIONI SENZA IVA CONTINUITA' AL VAGLIO DEI REVISORI MORATORIA BANCARIA ED EFFETTI SUL BILANCIO COMPENSAZIONI DI CREDITI IVA