La disciplina della comunione legale tra coniugi è animata dall'intento di tutelare la famiglia

Novità

[ archivio novità ]

20/07/2011
Corte di Cassazione 5 marzo 2010 n. 5424

La disciplina della comunione legale tra coniugi è animata dall'intento di tutelare la famiglia attraverso una specifica protezione della posizione dei coniugi che si manifesta, a norma dell'art. 177, primo comma, lettera a), cod. civ., nel regime dell'attribuzione comune degli acquisti compiuti  durante il matrimonio. Tale finalità di protezione è del tutto assente nell'ipotesi in cui i beni acquistati - astrattamente riconducibili al regime della comunione legale - abbiano una provenienza illecita; pertanto, ove il giudice penale abbia sottoposto a confisca, ai sensi dell'art. 2 - ter della legge del 31 maggio 1965, n. 5757, beni di persona  sottoposta a procedimento di prevenzione per sospetta appartenenza ad associazioni di tipo mafioso, il coniuge non può invocare la disciplina della comunione legale per sottrarre determinati beni alla predetta misura, salvo che dimostri di aver contribuito all'acquisto con proprie disponibiltà

frutto di attività lecite

nuova detrazione per spese di vitto ed alloggio NELLE SRL ASSEMBLEE CON GESTIONE AUTONOMA CONIUGI, DIETROFRONT SUL COMODATO Fiduciarie fuori dal monitoraggio LE FUNZIONALITA` DELLA PEC Sui rimborsi per i crediti Iva decidono i Giudici Tributari LA VERIFICA IN BANCA COLPISCE ANCHE LA SUOCERA DEL SOCIO Stalking. Aspetti giuridici e psicologici. L'EX NON PAGA L'ICI SULLA CASA ASSEGNATA LA GDF VA IN PRESSING PER I CONTROLLI SULLO SCUDO