La manifesta carenza o inidoneità educativa di uno dei genitori legittima l'affidamento esclusivo del figlio all'altro genitore, concretizzando situazione di pregiudizio per il figlio

Novità

[ archivio novità ]

29/07/2008
Affidamento esclusivo. L'inidoneità educativa lo giustifica.

Con Sentenza 29 Aprile-18 Giugno 2008, n. 16593, la Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso del padre che richiedeva l'affidamento condiviso del figlio minore. Afferma la Suprema Corte che l'affidamento condiviso non può precludersi per la mera conflittualità dei coniugi, ma deve risultare provata, nei confronti di uno dei genitori, una sua condizione di manifesta carenza o inidoneità educativa o comunque tale da rendere l'affidamento, in concreto, pregiudizievole per il minore (come nel caso, ad esempio, di una sua anomala condizione di vita, di insanabile contrasto con il figlio, di obiettiva lontananza).  
RIVALUTAZIONI NEI RIGHI SENZA ERRORI Corte di Cassazione, Sezioni Unite, 14 luglio 2010 n.16508 LUSSEMBURGO: ABOLIZIONE OBBLIGO DI PRESENTARE COPIA CERTIFICATA CONFORME Corte di Cassazione, 11 gennaio 2011 n. 450 SCUDO FISCALE: RESIDENZA FISCALE IN ITALIA O ALL'ESTERO? Partono gli sconti sui mutui variabili al 4 % LA CASA DRIBBLA I RISCHI DELLE DONAZIONI Compravendita con “Ace” MODELLO COMUNICAZIONE DATI DA PARTE DEGLI ENTI ASSOCIATIVI contratto di viaggio tutto compreso. Concorso di colpa dell'acquirente.