l'acquisto di azioni personali con la cassa dell'impresa è reato di bancarotta fraudolenta

Novità

[ archivio novità ]

24/10/2010
PER LA BANCAROTTA BASTA L'ACQUISTO DI TITOLI AZIONARI

La vendita di azioni nominative, acquistate con i fondi della società, da parte dell'imprenditore di un'azienda in crisi non costituisce reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale. È invece penalmente rilevante, in questa chiave, l'utilizzo della cassa dell'impresa per acquistare le azioni a titolo personale, senza cioè che queste entrino a fare parte del patrimonio sociale.

Lo chiariscono le Sezioni unite penali della Cassazione che, nella sentenza n. 36551.

La condotta da sanzionare è costituita dal prelievo dal conto della società delle somme destinate all'acquisto di titoli che non erano poi mai entrati tra le risorse dell'ente. È questa condotta infatti, indirizzata a procurare un utile economico all'amministratore, a realizzare la distrazione e a provocare una diminuzione fittizia del patrimonio aziendale.

Il reato si perfeziona con la dichiarazione di fallimento, «con la conseguenza che le successive e ulteriori iniziative non esercitano alcuna influenza sull'illecito, ormai realizzato in tutti i suoi elementi strutturali, e non determinano una sorta di progressione criminosa che ne sposta in avanti la consumazione».

UNICO 2009, BANCO DI PROVA PER ACCEDERE AI REGIMI FISCALI SEMPLIFICATI SRL, SPERIMENTAZIONE AL VIA Ministero dell'Interno circolare 30 settembre 2011 istanza di riabilitazione Contratti simulati dal contribuente, con l’abuso del diritto il fisco rimedia Inps: accertamento carico familiare L’utilizzo errato dei crediti Iva e` punito severamente L'AUTO? MEGLIO LEASING O NOLEGGIO Contratto a tempo determinato. Regolabile il limite di 36 mesi. assegno di mantenimento.Separazione e divorzio