L’agenzia delle Entrate consiglia al contribuente di attestarsi su una misura di deduzione pari a quella fissata in relazione alle imposte dirette per i costi a utilita` promiscua.

Novità

[ archivio novità ]

05/08/2009
Tutti i dubbi fugati. O quasi

L’agenzia delle Entrate consiglia al contribuente di attestarsi su una misura di deduzione pari a quella fissata in relazione alle imposte dirette per i costi a utilita` promiscua. Seguendo la via suggerita, il maggior carico Irap diviene un “corrispettivo” per una polizza di “sicurezza fiscale” contro possibili contestazioni. L’ultima circolare emanata, la 39/E (22 luglio 2009), se non ha chiarito agli operatori ogni dubbio generato dal precedente di prassi, la 36/E, ha senz’altro il merito di aver tranquillizzato, se non sull’ancora sfuggente tema dell’inerenza - sul quale il documento afferma che il principio da seguire ai fini dell’applicazione dell’Irap e` quello civilistico, desumibile dalla corretta applicazione dei principi contabili, confermando una volta per tutte l’indipendenza del tributo regionale dall’Imposta sul reddito, seguita all’abrogazione dell’articolo 11-bis del dlgs 446/1997 - sul comportamento ritenuto il piu` sicuro da adottare per chi intenda non prendere rischi

 

LA GDF VA IN PRESSING PER I CONTROLLI SULLO SCUDO COMUNICA:DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA' nuovo ravvedimento operoso CERTEZZA E PRECISIONE GOVERNANO LA DEDUCIBILITA` DELLE PERDITE SU CREDITI LA SENTENZA UE SUL CONDONO 2002 richiesta di riesame di autotutela risarcimento danni: cade immunità Stati esteri per crimini contro umanità L'AUTO? MEGLIO LEASING O NOLEGGIO E' RETAO DIRE STR.... ALLA SUOCERA DAVANTI ALLA PROPRIA MOGLIE IL CALO DEL SALDO IN BANCA NON E' UNA PROVA