RICADUTE DELLA SENTENZA CHE DA` NATURA PRESUNTIVA DELL’ESISTENZA E INERENZA DEI COSTI ALLA CERTIFICAZIONE DEL BILANCIO DEI SOGGETTI IAS

Novità

[ archivio novità ]

12/11/2009
CERTIFICAZIONE DEL BILANCIO DEI SOGGETTI IAS

Secondo a sentenza n. 5926 del 12 marzo 2009 emessa dalla Corte di cassazione, il Fisco deve ritenere valide le deduzioni dei costi se e nella misura in cui risultano imputati al conto dei profitti e delle perdite relativo all’esercizio di competenza, a meno che non riesca a provare l’errore del revisore (con documenti che “dimostrano il carattere omissivo del comportamento del revisore, quelli che, pur tributariamente rilevanti, non siano stati oggetto di valutazione da parte del revisore, quelli che sono stati occultati e quelli che consentono di provare i travisamenti del controllo”). La certificazione del bilancio dei soggetti Ias, dunque, ha natura presuntiva dell’esistenza e inerenza dei costi iscritti in bilancio ai fini Ires e Iva senza che sia necessario documentare i costi singolarmente ricompresi.
Per quanto evidenziato potrebbe essere ipotizzato un coinvolgimento del revisore nell’applicazione delle sanzioni tributarie per l’infedele dichiarazione o omesso versamento da parte del contribuente revisionato dato il condizionamento che le risultanze contabili operano per i soggetti Ias nel calcolo dell’imponibile: il Dlgs 472/97, infatti, all’art. 11 comma 2 ammette la prova che l’autore dell’illecito possa essere diverso da chi ha materialmente compiuto l’atto.

 

Chiusura facilitata: pagano l'Irpef i soci di Snc e Sas Lo 0,5% e` definitivo comunicazioni dei dati contenuti nelle dichiarazioni d'intento Inps: accertamento carico familiare La mancata sostituzione del modem provoca un disagio indennizzabile. MODIFICHE AL REGIME DI DEDUCIBILITA’ DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA. CONTRATTI DI ASSICURAZIONE: VESSATORIE LE CLAUSOLE TROPPO GENERICHE Studi di settore: al via l'operazione questionari sulla crisi 2009 GLI ENTI DI PREVIDENZA HANNO L’ULTIMA PAROLA SUL DURC Per il beneficio prima casa e` sufficiente la coabitazione